Lettera del Presidente Luca Stevanato

Pubblicato il 31 luglio 2012

Eletti Asc 2012Cari amici,
il 14 luglio u.s. l’assemblea dei Grandi Elettori mi ha eletto Presidente di A.S.C. e ha rinnovato il Consiglio Nazionale dell’Ente.
Non posso nascondere la soddisfazione che ho provato nel vedere l’unità della base attorno alla mia figura e rappresento sin da ora il grande senso di responsabilità che avverto nell’ assumere un incarico così importante.
Spero che la grande unità ravvisata, che ha portato all’elezione anche degli altri componenti del Consiglio con maggioranze di consenso tali da spazzare via ogni dubbio circa l’esistenza di lotte o diatribe interne all’Ente, continui anche nei mesi che seguiranno, mesi nel corso dei quali saremo chiamati tutti a fare il massimo sforzo per il rilancio di A.S.C.
La base associativa, costituita da oltre 2000 associazioni distribuite sull’intero territorio nazionale e da circa 200.000 tesserati, si è dunque ricompattata, sanando così le fratture che si erano determinate nel corso dell’ultima assemblea di Torino.
Il messaggio che emerge è dunque di oggettiva e chiara volontà di conciliazione all’interno della base e tra di essa e la nuova dirigenza cui è demandato il compito di trasmettere un chiaro segnale di unità e di serenità all’interno e al di fuori di ASC.
I tristi momenti che sono stati vissuti il 21 aprile all’assemblea di Torino, con la bocciatura del rendiconto per l’esercizio 2011, risultano ormai superati e la base elettorale ha dimostrato con chiarezza e responsabilità che non si è verificato alcun golpe per far cadere la precedente dirigenza.
Pertanto ben sarebbe stato opportuno non diffondere a terzi notizie poi rivelatesi infondate atte a screditare l’unità di ASC e la sua stessa consistenza sui territori, evitando ogni inutile strepitus.

logo 1Sommessamente, evidenzio che entro il corrente anno avrebbero dovuto comunque essere celebrate le elezioni per i nuovi vertici nazionali e che, pertanto, quanto accaduto ha anticipato solo di qualche mese l’adempimento assembleare con i conseguenti esiti.
Per fortuna, quegli attacchi e quei tentativi di destabilizzazione non hanno trovato alcuna sponda e anche coloro che avrebbero potuto abbandonare l’Ente, per essere assorbiti da altre realtà, hanno deciso, liberamente, di non lasciare A.S.C., nella consapevolezza della sua grande potenzialità di poter crescere e divulgare il messaggio sportivo a livello nazionale.
La base associativa ha pertanto scelto di restare compatta e di confidare nel fatto che A.S.C. ha un’immagine pulita e si candida a diventare un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono sposare un progetto fatto di persone e di idee.
Ciò detto, sperando di aver chiarito definitivamente i contorni di quanto accaduto e disponibile a confrontarmi con chiunque abbia necessità di aver ulteriori approfondimenti, è ora di pensare al futuro.
Sotto questo punto di vista non possiamo dimenticare quanta strada sia ancora da percorrere nel cammino di integrazione con il nostro Ente di riferimento.
Confcommercio non merita di attendere oltre e pertanto la condivisione di un comune senso di appartenenza costituisce la nostra priorità operativa.
Il rilancio dell’Ente passa per questa sinergia che costituirà il nostro trampolino per raggiungere i massimi livelli nella promozione sportiva, nella formazione, nell’attività ricreativa e culturale.
A tutto questo non resta che aggiungere il mio personale impegno per la realizzazione dei progetti che ognuno di Voi ha da proporre.
Spero di essere all’altezza del compito affidatomi e di contribuire, insieme a Voi, a intraprendere un nuovo corso per il nostro Ente.

Fondamentale sarà anche il contributo degli altri componenti del Consiglio Nazionale provenienti da vari settori della società che potranno conferire il loro apporto professionale nell’obiettivo di crescere insieme.
Mio tramite, ogni singolo consigliere ringrazia per il sostegno che l’assemblea gli ha personalmente manifestato.
Auguro a tutti un buon lavoro e spero di poter conoscere personalmente ognuno di Voi nel corso delle varie occasioni istituzionali e degli eventi che vivremo insieme.

Luca Stevanato